Francesca Schirinzi

Violino

Il Corso è aperto agli studenti di fascia accademica e pre-accademica dei Conservatori.
Si articolerà in due fasi: nella prima saranno approfonditi aspetti tecnici, risolvendo difficoltà legate alla gestualità da cui deriva il suono. Saranno anche suggeriti metodi di studio per migliorare l’intonazione sullo strumento e la capacità di controllo mentale sul gesto-suono.

Per la condotta dell’arco il lavoro sarà contestuale al/ai brano/brani presentati. L’obiettivo è far sì che l’allievo maturi una padronanza che gli consenta di interpretare lo spartito oggetto di studio senza condizionamenti derivanti da difficoltà tecniche.

Quindi la seconda fase: l’interpretazione del brano tra tradizione, buon gusto e incisioni storiche in particolare del periodo classico e romantico.
<<La chiave per la facilità e la precisione e, da ultimo, la completa padronanza della tecnica violinistica devono essere fondate sulla relazione tra cervello e muscoli, cioè sull’abilità di far corrispondere il comando mentale alla risposta fisica nel modo più immediato e preciso possibile. In ciò risiede il principio fondamentale della tecnica del violino, …>> (Ivan Galamian).

L’eventuale esibizione dei corsisti durante il concerto che chiuderà la manifestazione avverrà in seguito all’insindacabile decisione dei docenti ed a titolo gratuito.

La frequenza del corso è subordinata all’iscrizione all’associazione Melaviola.

Prezzo del corso, IVA inclusa

Euro 330 + iscrizione

CURRICULUM

Francesca Schirinzi – Violino

Nata a Gallipoli (Lecce) il 13 Gennaio 1977, avviata giovanissima agli studi musicali, a soli venti anni era già diplomata sia in Violino (M° Carmine Scarpati) che in Pianoforte (M° Pierluigi Camicia), con il massimo dei voti, presso il Conservatorio di Musica “N. Piccinni” di Bari. Successivamente ha conseguito anche il Diploma di Canto, presso lo stesso Conservatorio, sotto la guida del M° Amelia Felle, sempre con il massimo dei voti.

Ha conseguito la Laurea in Beni Culturali, indirizzo Beni Musicali, con punti 110 e Lode su 110, presso l’Università degli Studi del Salento, con una tesi di ricerca sulla produzione vocale da camera del compositore, violinista e cantante secentesco Carlo Ambrogio Lonati, di cui ha recuperato ben quindici cantate da camera.

Il suo percorso formativo di crescita musicale si è arricchito avvalendosi della scuola di illustri Maestri: Alessandro Perpich, Beatrice Antononi, Ulrike Anima Mathé, Piero Farulli, Carlo Chiarappa, Domenico Pierini e molti altri.

Recentemente si è avvalsa delle lezioni relative all’insegnamento delle discipline teorico-musicali e dell’educazione dell’orecchio frequentando il seminario di studi del M° Alberto Odone.

Ha frequentato il “Corso di Comunicazione Educativa e Didattica” per la Facoltà di Scienze della Formazione presso l’Università degli Studi di Bari, ottenendo 1’“Attestato di Perfezionamento Professionale” dopo aver superato l’esame finale.

Ha frequentato, dopo il superamento dei relativi esami di ammissione, le scuole di formazione professionale, in qualità di violinista, a Bari (Assessorato Promozione Regione Puglia), a Spoleto (Teatro Lirico Sperimentale), e a Fiesole (Scuola di Musica), dove ha avuto modo di lavorare sotto la direzione di celebri Direttori (Haaronovich, Metha, C. Abbado, Noseda e altri) in Italia e all’Estero, e di ricevere, dopo il superamento degli esami finali, l’Attestato di “Qualifica di Professore d’Orchestra” e le relative borse di Studio. Con le suddette orchestre ha partecipato, in qualità di Violinista, alla realizzazione di tre Compact Disk. Si è distinta in vari concorsi nazionali ed è stata invitata a esibirsi come violinista con accompagnamento di Chitarra e come soprano solista sia con accompagnamento di Liuto, Arciliuto, sia con orchestra, dall’Università di Lecce e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma in occasione di celebrazioni all’interno delle stesse. Con l’Orchestra Filarmonica Italiana ha interpretato da solista il concerto “La primavera” di Vivaldi.

Svolge intensa attività artistica sia da solista che collaborando in diverse formazioni cameristiche (duo, trio, quartetto, senza trascurare la musica da camera con pianoforte).

Nell’ambito del progetto “Rubato” relativo all’attività accademica del Conservatorio di Piacenza, a.a. 2008/2009, si è esibita come solista violinista, cantante e pianista nella stessa matinée.

Ha insegnato “Pratica della Lettura Vocale e Pianistica” presso il Conservatorio “F. Cilèa” di Reggio Calabria, “Teoria e Solfeggio” presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma, “Violino” presso varie Scuole Medie a indirizzo musicale.

Dal Maggio 2005 al dicembre 2014 è stata docente di “Teoria e Solfeggio” presso il Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza, istituzione presso la quale ha insegnato anche “Pratica della lettura vocale e pianistica”, “Pratica dell’accompagnamento estemporaneo”, “Metodologie di armonizzazione e trasposizione al pianoforte” e “Metodologia dell’insegnamento strumentale – Violino”, per i bienni abilitanti (A77) e “Lettura cantata, intonazione e ritmica” per i trienni. Dal 2014 a tutt’oggi insegna presso il Conservatorio Umberto Giordano di Foggia “Teoria, Ritmica e Percezione musicale”, “Ear training” e “Ritmica della musica contemporanea” per i trienni accademici.

E’ autrice di varie pubblicazioni didattiche, edite da “Acustica Edizioni” e da “Maci Editore”.